Industria 4.0, proroga per l’iperammortamento

Industria 4.0: è stato concesso il via libera in commissione bilancio al Senato alla proroga, di due mesi, dei termini per la consegna di beni strumentali funzionali ai processi di digitalizzazione del piano Industria 4.0. La conversione del dl 91 consente di usufruire dell’iperammortamento del 150% per gli investimenti effettuati entro il 30 settembre 2018 laddove, entro la fine del 2017, l’ordine risulti confermato e sia corrisposto un acconto del 20% del costo di acquisizione. La proroga non riguarderebbe invece i beni strumentali tradizionali, che danno diritto al superammortamento del 40%, per i quali il termine di consegna del bene rimane fermo al 30 giugno 2018.

Per quanto riguarda i beni che danno diritto all’iperammortamento del 150% ricordiamo che è necessaria l’interconnessione. A tal proposito la circolare 4/E/2017 aveva precisato che nel caso in cui l’opera sia realizzata dopo il 30 giugno 2018 (data valida prima dell’approvazione della proroga) e al contempo l’interconnessione si effettui in esercizi successivi a quello di entrata in funzione, il contribuente poteva dedurre la maggiorazione del 40% e, dall’anno di interconnessione, la deduzione passava al 150%, calcolata sulla parte di costo al netto di quella già dedotta col maxi-ammortamento.

In seguito alla proroga che riguarda solo i beni che danno diritto all’iperammortamento, ma non anche quelli che danno diritto al superammortamento, sarà necessario attendere i chiarimenti in quanto potrà succedere (per esempio per un investimento realizzato a luglio 2018, entrato in funzione nel 2018, ma entrato in funzione dal 2019) che nel primo anno (2018) non spetti ne il super (investimento oltre la data limite) ne l’iperammortamento (manca interconnessione).

Dovrà allora essere chiarito se negli anni successivi (dal 2019 in avanti) l’impresa possa recuperare comunque tutto il 150% o se la quota riferita all’esercizio di entrata in funzione sia persa. La soluzione più corretta è certamente la prima, ma una conferma ufficiale è opportuna.