Lo utilizziamo tutti i giorni più volte al giorno, eppure spesso nemmeno ce ne accorgiamo. Può essere nostro oppure altrui, di certo sembra essere diventato indispensabile e irrinunciabile, soprattutto per le aziende. Parliamo del dominio internet, ovvero l’indirizzo che identifica in modo univoco un sito nel web. Il dominio, generalmente, va a braccetto con l’hosting ovvero lo spazio fisico che ospita il sito. Il dominio è un patrimonio dell’azienda, il “biglietto da visita virtuale” che va valorizzato e sfruttato al meglio. Come? Continuate a leggere!

Come acquisire un dominio

Il primo dominio internet mai registrato ha appena compiuto 35 anni. Si tratta di symbolics.com, registrato il 15 marzo 1985. Per darvi un’idea della sua storicità, considerate che apple.com nasce solo nel 1987 e microsoft.com nel 1991, sull’onda dell’entusiasmo per il protocollo www (world wide web) che stava vivendo i suoi primi momenti di popolarità di massa.

Il dominio di un sito è composto da tre parti essenziali, detti nome di primo, secondo e terzo livello. Come vedete dall’immagine si leggono da destra a sinistra e costituiscono la “targa” del sito internet.

dominio

Acquistare un nome di secondo livello è un’operazione semplice e generalmente molto economica. Basta scegliere un nome, verificare se è disponibile (ovvero se è univoco, se non esiste un altro sito che già si chiama in quel modo), pagarlo e acquisirne la proprietà. Chi offre un servizio di vendita di nomi dominio è detto registrar. Per iniziare a farsi un’idea può essere utile partire dal NIC, ovvero il registro italiano dei domini .it, che ci dice se il nome è disponibile e offre una panoramica di registrar solo relativamente ai domini .it e edu.it. I domini di primo livello possono essere nazionali (ovvero identificare la nazione di provenienza del sito, come .it per l’Italia) o generici. L’utente ha massima libertà di scelta sul dominio di primo livello, anche se spesso il criterio è il costo: un dominio nazionale può costare anche dieci volte meno di un generico particolare o poco usato.

In fase di scelta del nome occorre prestare attenzione a una serie di fattori. Il nome deve essere breve, immediato, semplice da ricordare e da scrivere e dovrebbe evitare i giochi di parole. Inoltre occorre fare molta attenzione ai refusi, in quanto non è possibile correggere il nome una volta registrato.

L’hosting, cos’è e come si acquista

Una volta acquisito un bel nome di dominio e scelta l’estensione di primo livello che fa al caso nostro, occorre acquistare uno spazio hosting. L’hosting non è altro che il luogo dove il nostro sito risiede, la porzione di server dove viene ospitato. Come per i registrar, anche gli hosting sono molteplici e hanno costi variegati. L’abbonamento è generalmente annuale e può andare dal semplice spazio fino ad includere servizi aggiuntivi come consulenza web e SEO, aggiornamento del sito, eccetera. I clienti Welcome Italia hanno la possibilità di avere l’hosting del proprio sito come servizio all’interno del proprio abbonamento, incluso nel canone. Questo permette di avere tutto in un’unica fattura di un unico fornitore, con la massima trasparenza dei costi sempre indicati chiaramente e la comodità di non avere mille voci di contabilità e doversi ricordare tutte le scadenze.

Dimenticanze che costano

Se non ci si ricorda di rinnovare un nome di dominio, questo ritorna libero sul mercato a disposizione di chi lo voglia acquistare e recuperarlo potrebbe rivelarsi una vera impresa. Esistono dei programmi che scandagliano i siti raccogliendo le informazioni di registro (che devono essere pubbliche). All’approssimarsi della scadenza del nome, chi lancia la scansione è lì pronto a sperare che i proprietari dei nomi si dimentichino di rinnovare per accaparrarsi a sua volta il nome rimasto “orfano”. A che scopo? Il nome di un sito famoso o molto visitato può facilmente valere un bel “riscatto” monetario. Se invece è l’hosting a scadere senza rinnovo, il sito semplicemente si “spegne” e non è più raggiungibile.

Per evitare di andare incontro a queste disavventure, Welcome Italia gestisce i vostri siti con un ampio bouquet di servizi che sono riassunti qui. Se siete già clienti Welcome e volete trasferire la gestione del vostro sito o se non lo siete e volete saperne di più contattateci per una consulenza senza impegno!