Wi Fi Call Vianova, perché non potrete più farne a meno

La copertura della rete mobile italiana ormai è talmente capillare da raggiungere quasi il 100% del territorio. Se volete verificarlo, esistono tanti siti e app (vi consigliamo OpenSignal, che è indipendente e sempre aggiornata) che potete consultare, utili ad esempio quando state decidendo di cambiare operatore e volete verificare qual è quello che offre il servizio migliore nella vostra zona. Succede ancora, però, che esistano molti luoghi in cui la rete mobile sia molto debole o assente. Cosa fare in quei casi, quando il telefono è praticamente inservibile? Welcome Italia corre in aiuto con la Wi Fi Call.

Read More

Il Sim Manager Vianova: il potere nelle tue mani

Poche cose generano grattacapi in un’azienda come la gestione della telefonia mobile. È sempre difficile riuscire a coniugare prestazioni tecniche, controllo dei consumi e flessibilità dell’offerta. Ci immaginiamo l’imprenditore che gestisce le proprie sim cercando di tenere sempre tutto in equilibrio ed evitando le fregature. In una ideale classifica su chi ruba di più, siamo sicuri che gli italiani metterebbero al primo posto due soggetti a pari merito: i politici e le compagnie telefoniche. Il percepito di queste due categorie è infatti quello di essere dedite a inventare modi sempre più fastidiosi per prelevare dalle tasche della gente. Sui politici non ci pronunciamo, mentre sulle compagnie telefoniche qualche idea ce la siamo fatta e si, a volte si ha veramente la sensazione che il fine ultimo sia solo quello di incassare quanto più possibile dando in cambio servizi scarni o a singhiozzo (la parola “rimodulazione” vi dice qualcosa?).

Read More

24 miliardi per Transizione 4.0: perché è un bene

Nella testo della manovra finanziaria 2021 il fondo del piano di Transizione 4.0 si potenzia, passando dai circa 7 miliardi attuali a ben 24.3 miliardi. Il fondo diventa strutturale (qui il testo del DDL di bilancio 2021) e si apre anche ai liberi professionisti. La grande novità è che le imprese che vogliono digitalizzarsi (ovvero rinnovare il proprio parco tecnologico) per incrementare la produttività possono usufruire degli sgravi già dall’anno in corso!

Read More

Le 4 (+1) buone ragioni per scegliere una sim Welcome Italia

Lo sappiamo, ce lo siamo detti molte volte: il cambio operatore telefonico è spesso un problema. Nonostante sia una procedura più che rodata (la possibilità fu introdotta nel 2002), c’è sempre l’eventualità che qualcosa vada storto. Tanto nel fisso quanto nel mobile, moltissimi rinunciano per il timore di avere dei problemi e si ritrovano quindi ad avere a che fare con fatture incomprensibili ed esose, spesso piene di servizi obsoleti o mai pienamente utilizzati, che però pesano sul totale. Noi di Uniontel abbiamo un’alternativa che può porre fine a molti dei mal di pancia generati da una gestione della telefonia aziendale più dettata dalla paura che dalla convenienza. Vi spieghiamo perché la vostra azienda dovrebbe affidare il parco sim a Welcome Italia in 4 semplici punti (più uno), per una telefonia mobile più semplice e conveniente.

Read More

Il CISPE: regole europee e codici di condotta per i provider Cloud

Ormai da qualche anno per gli operatori IT si è iniziato a ragionare di stabilire un quadro normativo comune a livello europeo. Per il provider cloud diventa quindi di vitale importanza rimanere aggiornato in materia per restare competitivo e non contravvenire a leggi e regolamenti europei. Il punto di riferimento in materia si chiama CISPE (qui il sito ufficiale), l’associazione che rappresenta tutti i fornitori di infrastrutture cloud in Europa. Al suo interno, ben 11 sono realtà italiane. Il CISPE fornisce orientamento nelle legislazioni europee e tramite un codice di condotta che uniforma i comportamenti dei vari provider e li aiuta ad autoregolamentarsi.

Read More

Provider Cloud, la responsabilità è importante

Patti chiari, amicizia lunga. Più informazioni il vostro provider di servizi cloud vi fornisce con chiarezza, più sarete sicuri di ciò che state acquistando. Per ogni servizio dovrebbe essere definita una scheda, generalmente redatta in standard ISO 27000, che contenga le specifiche relative agli SLA e alle eventuali penali che il provider vi deve corrispondere in caso di mancata erogazione del servizio. Inoltre, è utile avere contezza di quale data center ospita il servizio che state acquistando, se in caso di backup se è prevista o meno la replica dei dati e se è possibile ampliare l’offerta con servizi opzionali.

Read More

Data Center e Cloud, soluzioni avanzate a un problema antico

Ogni volta che accediamo a un servizio cloud andremo inevitabilmente a finire dentro un data center. Che sia tramite app come Google Drive o Dropbox, per accedere ad applicativi aziendali o perché abbiamo deciso di migrare l’intera infrastruttura aziendale nella “nuvola”, dobbiamo fare sempre i conti con il posto fisico in cui i nostri dati saranno alloggiati. Oggi vi parliamo di queste strutture e vi illustriamo le differenze dall’avere in house un sistema fisico o affidare invece tutto al cloud. Vi faremo anche vedere come sono fatte al loro interno, per farvi comprendere in che modo i vostri dati sono custoditi.

Read More

Il Cloud e l’importanza dello SLA

SLA è una sigla importantissima nel mondo delle aziende che erogano servizi: sta infatti per service level agreement, ovvero il rispetto dei tempi di servizio precedentemente concordati con il cliente e di solito normati con un contratto. Anche Uniontel ha i suoi SLA, ovvero il tempo che i nostri tecnici impiegano ad intervenire in caso di fermo sistemi o guasti non bloccanti. Il rispetto di questi livelli è fondamentale per mantenere alta la preziosa fiducia che i nostri clienti ripongono in noi. Il concetto di SLA può però allargarsi a tanti altri ambiti, alcuni dei quali decisamente insospettabili come può essere il mondo del Cloud.

Read More

Odi et amo: i banner e la pubblicità su Internet

Sono passati esattamente 26 anni da quel 27 ottobre 1994, giorno in cui sul sito statunitense hotwired.com comparve un annuncio molto inusuale: inquadrato in un rettangolo nero, delle lettere colorate chiedevano: “hai mai cliccato con il tuo mouse proprio QUI?” e una freccia indicava la risposta, nell’angolino, lapidaria: “LO FARAI”. Si trattava del primo banner pubblicitario della storia di Internet, che una volta cliccato rimandava ad un adv dell’operatore telefonico AT&T.

Read More

Buon compleanno Ipod, il nuovo millennio della musica

23 ottobre 2001, Cupertino. Steve Jobs presenta al mondo il primo Ipod, un rivoluzionario (come era nel suo stile) oggetto destinato a cambiare per sempre un intero mercato. Un lettore di musica digitale tascabile, dal design ricercato, con un sottilissimo hard disk da 5 gb per ascoltare 12 ore di brani. Disponibile solo nel colore bianco con scocca in policarbonato, veniva venduto con le sue cuffie in abbinato e aveva il display in bianco/nero. La fortuna di Ipod e di tutti i prodotti affini nati negli anni successivi risiede nel cambiamento che fu capace di portare nell’industria musicale. Lo straordinario successo della prima versione diede il via a una serie molto prolifica e redditizia per Apple e causò un profondo cambiamento nel modo di intendere la produzione e la fruizione della musica.

Read More
Uniontel

Ti servono informazioni?

Contattaci subito